Come superare la gelosia per le ex

A tutte è capitato di essere gelose delle sue ex. La prima cosa da considerare è che questo sentimento, nasce dal fare paragoni in cui noi usciamo perdenti. E’ come se la ex diventasse in qualche modo perfetta e noi fossimo i  brutti anatroccoli. Ma è tempo di vederci un po’ meglio su questo punto e di andare oltre.

Dedicatevi a voi. Quando pensate alla sua ex, ci sarà sempre qualcosa in cui voi uscirete perdenti: magari lei è più alta o ha girato tutto il mondo, o è più in forma. Rilassatevi, ricordatevi i vostri punti di forza e dedicate tempo ed energia a far fiorire le vostre qualità.

Sciogliete le paure. Le relazioni di coppia spesso portano a galla le nostre paure più profonde. Cosa vi spaventa quando pensate alla sua ex? L’essere lasciata? L’essere tradita? Pensate di non essere abbastanza? Il  vero problema sono questi timori. Per quanto lui vi rassicuri, servirà a poco se non li affrontate: coraggio! Se non ci riuscite da sole, ci sono libri, corsi, persone che possono facilitarvi.

Fissate dei paletti. Se vi da fastidio il suo modo di comportarsi con le ex, chiedetegli di cambiare. Se non vi va che escano insieme da soli, avete il diritto di stabilire quali sono i limiti e comunicarglieli. Siete voi la sua donna ora, e perché le cose funzionino è fondamentale che le “gerarchie” vengano rispettate.   

Vivete il presente.  In qualche modo queste persone sono state importanti. Sono state. Ora bisogna vivere il presente e costruire il futuro. Fate insieme una lista di come vorreste che fosse la vostra relazione e ogni giorno aggiungete dei nuovi mattoni!

 

Tratto dalla rubrica “I RITMI della MENTE” apparsa il 5 ottobre 2011 sul n°40 della rivista DONNA MODERNA.

Lui guarda le altre in spiaggia: parlare o tacere?

Gli uomini come noi donne, hanno gli occhi. E li usano, grazie al cielo. Il problema non è che lui guarda le altre, il problema è che a livello sociale ci è stato insegnato che significa che non gli piaci abbastanza, che vuole tradirti o che qualcosa tra voi non funziona, e una serie di altre idee poco utili e non necessariamente reali. La vera domanda è come puoi usare questo per essere più intimi?

Sfata i tabù. Più neghiamo qualcosa, più creiamo un tabù, qualcosa che si fa ma non si dice. Ciò che non dici in una relazione prima o poi la rovina. Guardare gli altri è sano e perfettamente normale. Non c’è nulla di sbagliato. Il fatto che lui ami te, non significa che non proverà più attrazione per altre donne. E  lo stesso vale naturalmente per te. Essere sinceri l’uno con l’altro su questo punto evita moltissima sofferenza inutile.

Ridici sopra. Scoprire cosa delle altre donne attrae il tuo compagno, può essere molto divertente. Inoltre, se lui può liberamente parlarne con te, non avrà bisogno di farlo di nascosto. Potrebbe aiutarti a conoscerlo meglio. Saprai subito quello che gli piace e come apparire ancora più sexy ai suoi occhi.

Chiedigli di riservare l’ultimo sguardo per te. Nella canzone “Save the last dance for me” Micheal Bublé, canta <<Puoi ballare tutte le danze con il ragazzo che ti guarda, lasciare che ti tenga stretta, ma ricordati che  l’ultimo ballo della serata è per me>>.  In questo caso non si tratta di un ballo, ma di sguardi. Chiedigli allora che l’ultimo sguardo sia sempre e soltanto per te. Uno sguardo che ti faccia sentire che sei tu la numero uno. E se anche tu guardi gli altri uomini?… Beh, allora ricordati di fare lo stesso con lui!

 

Come fare quando non ti piace il partner della tua migliore amica

Se è la vostra migliore amica probabilmente conoscete i suoi pregi e i suoi difetti. L’avete vista piangere e ridere, sapete quanto vale e per lei volete solo il meglio. A volte capita che l’uomo che lei sceglie secondo voi non sia abbastanza. E, diciamocelo, se la loro storia è appena iniziata, siamo un po’ gelose, perché lei non è più tutta per noi!

Chiaritevi le idee. Distinguete se non vi piace perché vi sembra che lei con lui sia infelice, o perché non è il tipo con cui staresti voi. Non stiamo parlando della vostra vita, ma della sua. E lei, è la migliore esperta al mondo nel viverla!

Riflettete prima di giudicare. La vostra opinione, lo sapete bene, ha un grande impatto su di lei. Quindi, prima di emettere giudizi sul suo uomo, pensate bene se è il vostro cuore a parlare o se invece siete alterate da altri fattori, come la gelosia.

Condividete la sua gioia. Non sarete più al primo posto per lei, perché è naturale che ci sia lui in pole position. È  il ciclo della vita. Detto questo, sappiate che la vostra amicizia può continuare a crescere e che se lei è davvero felice probabilmente lui è quello giusto. Apprezzate la loro felicità. Anche fosse solo questo, basterebbe a renderlo degno di lei.

Aiutatela a capire. Se lei, invece, passa gran parte del tempo a stare male, forse non è la relazione ideale per loro. A volte guardare in faccia la realtà e ammetterlo, non è facile. Fate la vostra parte:  aiutatela sempre a ricordare a se stessa il tipo di donna che vuole essere e a prendere decisioni che vadano in quella direzione

 

La vostra coach…

Chiara Grandin

Come tenersi fuori dalle liti dei genitori

In una cascata, possiamo contemplare l’acqua scorrere dall’alto verso il basso: così maestosa e armonica fluisce rapida ma senza sforzo. È così che la natura l’ha pensata. Ma cosa accadrebbe se qualcuno tentasse di invertirne il flusso? Sprecherebbe la sua energia senza ottenere il risultato. Una famiglia può essere paragonata a una cascata: i genitori vengono prima nell’ordine temporale, e l’energia scorre dai genitori ai figli mai viceversa. I ruoli quindi non andrebbero mai invertiti. Anche se lo fai perché gli vuoi bene, intromettendoti nelle loro liti rischi di recitare il ruolo di madre, padre o giudice dei tuoi genitori. È come se  invertissi il flusso della cascata: avvertirai fatica, frustrazione o peggio ancora rancore da parte di tutti. Tu sei loro figlia e tale devi rimanere.

Rimani calma. Le liti familiari, sono un’ottima palestra per allenarci a rimanere calme in mezzo alla tempesta, quando gli animi si scaldano. Leggi dei libri, fai dei corsi, parla con le persone che conosci che sono più brave di te. E pensa che questo momento così difficile può diventare una palestra importante: imparare a gestire le tue emozioni nei conflitti è una delle qualità più importanti che tu possa apprendere.

Sii ferma. Se sono proprio loro , i tuoi genitori a chiederti di schierarti o sfogarsi con te quando l’altro è assente, potresti dire: “Vi voglio bene e questa lite riguarda voi. Non sono il vostro consulente sono vostra figlia, quindi penso sia giusto ne parliate fra di voi.”

Rispettali. Non sta a te criticare i tuoi genitori e il loro modo di stare insieme. Se credi che dovrebbero vivere diversamente la loro vita di coppia, metti  tu in pratica i consigli che daresti loro. Quando lo farai, ti sentirai più forte e più equilibrata.

Chiara Grandin (dal n°29 del 2011 di Donna Moderna)

 

Come comportarsi quando una coppia di amici si lascia

La fine di una storia tra due persone a cui vogliamo bene, è un momento di trasformazione. Innanzitutto, ci mette di fronte al fatto che la vita è in continuo mutamento e che quello che ci sembrava scontato o dovuto non lo è. Poi ci costringe a creare degli equilibri diversi, affrontando una delicata tappa della nostra amicizia.

Rispettare i loro spazi. Dopo la rottura uno dei due potrebbe sentire l’esigenza di prendere le distanze non solo dall’ex, ma anche da chi come voi gli ricorda il passato. Anche quando è difficile lasciate a queste persone il loro spazio con rispetto e comprensione. La loro vita è stata appena stravolta: date loro tempo.

Evitare le ambiguità. Se i vostri due amici rimangono nella vostra vita, dite loro che continuerete a frequentare tutti e due perché volete bene a entrambi. In genere i due ex lo capiranno. Se per uno di loro fosse inaccettabile, lascialo andare senza forzare la situazione. Magari tra un po’ si ricrederà.

Gettare acqua sul fuoco. Se quando sono con voi iniziano a parlare male dell’altro, evitate di cadere nella tentazione di allearvi con loro per farli sentire meglio. Rimanete fuori da questo gioco al massacro! Se tra loro non ha funzionato come coppia, non significa che siano sbagliati come persone e incolparsi a vicenda non li aiuterà a stare meglio. Si sentiranno solo arrabbiati, e faranno più fatica ad attraversare questo momento di passaggio. Sappiate che anche qui servono tempo e pazienza

Aiutarli a guardare al futuro. Spingeteli a capire dove hanno sbagliato, a perdonarsi  e a scoprire come costruire la loro nuova vita. Ricordate che il vero amico non è colui che da sempre ragione, è quello che ci aiuta a diventare la persona migliore che possiamo essere.

Chiara Grandin