Un REGALO per voi – Gratis il mio e-book “INSPIRATION: una via di pace per l’uomo moderno”

Carissimi lettori,

ecco per voi oggi il mio REGALO di NATALE! Si tratta del mio e-book “INSPIRATION: una via di pace per l’uomo moderno”,

per dissolvere lo stress e iniziare a godervi ora la vostra vita. Se volete ricevere gratuitamente adesso l’e-book, fate click qui:

www.metodoinspiration.com

Seguite le semplici istruzioni e in pochi minuti avrete la vostra copia!
A presto,

La vostra coach,

Chiara

Quali sono i modelli e le “identità” che ti ispirano e stanno guidando la tua vita?

Una delle cose che faccio durante i corsi e spesso nel coaching personale, è quella di soffermarmi sull’identità delle persone. Aiutarle a riflettere, su chi sono, sui modelli che li ispirano, sui ruoli che hanno e le caratteristiche di questi ruoli.

Per esempio, molti uomini possono essere mariti/fidanzati e molte donne possono essere mogli/fidanzate, ma con che caratteristiche?

Perché si può essere delle “desperate housewife”, o delle libere, divertite e gioiose mogli/amanti (attenzione: quando parlo di amante non intendo, colei che è la “donna non ufficiale”, intendo amante come donna/uomo che ama, in modo passionale e sensuale). Si può essere dei mariti/fidanzati, “padre-padrone” o che si sentono braccati dal peso delle responsabilità,  o degli compagni ironici, passionali, forti, e allo stesso tempo rilassati. Insomma, tutti a noi abbiamo delle identità nella nostra vita che guidano i nostri comportamenti e le nostre scelte.

Possiamo considerarci dei “gitani”, dei “rivoluzionari”, delle “dee”, dei “risvegliatori”, degli “imprenditori di successo”, dei “falliti”, dei “vincenti”, dei “grandiosi essere umani”, delle “schiappe”. Le identità sono più o meno conscie. Ovviamente, se una persona pensa di essere una fallita, si comporterà in modo diverso da quello che farebbe se credesse di essere un “grandioso essere umano”.

Nel film MEMORIE di UNA GEISHA, tratto dall’omonimo libro, dopo che la seconda guerra mondiale arriva anche in Giappone, le vite dei protagonisti vengono stravolte. La protagonista Sayuri, dopo essere stata la più famosa e desiderata geisha, si ritrova ad essere una semplice donna che tinge kimoni. Mentre molti degli uomini facoltosi che erano parte del suo mondo, perdono le loro fortune, le loro fabbriche, i loro possedimenti.  C’è un dialogo particolarmente significativo, tra Sayuri e il personaggio di Nobu, che rende perfettamente l’idea di quanto potenti possano essere i ruoli o identità che ci diamo:

NOBU: (mostrando un sasso)Questo è quanto rimane delle nostre fabbriche.
SAYURI: Mi dispiace tanto Nobu-san
NOBU: Sayuri … noi vorremmo ricostruire ma per farlo abbiamo bisogno del tuo aiuto.
SAYURI: Cosa posso fare?
NOBU: Da qualche parte sotto quegli stracci, sei ancora la più grande Geisha di Miako!
SAYURI: Se un albero non ha foglie, né rami, si può ancora chiamare albero?
NOBU: (sorridendo) Con nient’altro che macerie ai miei piedi, posso ancora chiamarmi un uomo d’affari?

Il personaggio di Nobu, pur con “macerie ai suoi piedi” continua a sentire di essere un uomo d’affari, quindi le azioni che mette in atto successivamente nella storia, portano la sua compagnia a ritornare in auge. Ciò che credete vero, rispetto a chi siete come persone, influenza tutta la vostra vita, le vostre scelte, le vostre azioni.

Durante una puntata del corso che tengo per sole donne sul COACHING CAFFE’, su che tipo di donna voglio essere nella mia vita, una partecipante, ci disse che uno dei personaggi che l’avevano influenzata fin da quando era bimba, era Lady Oscar. Ora, se ricordate bene, Lady Oscar è una bambina, che viene cresciuta come un maschio diventando una guardia a servizio di sua maestà la regina di Francia. Ovviamente è una donna molto forte, con un grande cuore, senso di lealtà e dell’onore, molto elegante. L’unico intoppo è che dato che tutti credono che sia un maschio, sarà costretta per la maggior parte della sua vita, a reprimere la sua femminilità. Quando questa ragazza ci raccontò che il suo modello di donna era Lady Oscar, le mi antenne si drizzarono.

Le chiesi immediatamente se si sentisse a suo agio nell’esprimere la sua femminilità. E indovinate quale fu la risposta? Ovviamente no. Scoprimmo in breve che molto spesso nella sua vita, si trovava a lottare per ottenere quello che voleva (Lady Oscar, fa parte dell’esercito francese, fondamentalmente è una guerriera). Mentre le facevo altre domande, lei ebbe un vero e proprio momento di rivelazione!

Tutto le fu chiaro. Ci disse, stupita ma anche molto sollevata, condividendo con me e le donne del suo gruppo, che non si era resa conto come quel modello di donna (lady oscar) che aveva scelto da bimba, avesse profondamente influenzato le sue scelte.

Quella sera, scelse nuovi modelli da seguire, e “creò” delle nuove identità. Ovviamente allineate con il tipo di donna che lei sentiva di essere e di voler sviluppare. Dopo qualche tempo, mi disse che quel cambiamento le era servito moltissimo in altri aspetti della sua vita.

Quando scelsi di buttarmi in questo lavoro di coaching e formazione, la maggior parte dei miei modelli da cui traevo ispirazione e, in cui a volte mi identificavo, erano maschili. Non fu un caso per me, che i primi anni, feci un sacco di fatica, nel fare training e coaching. Perché i modelli che sceglievo, erano persone straordinarie, solo che erano tutti uomini.

Così, un paio di anni fa tra le mie identità iniziai a inserire modelli femminili (per esempio “gitana risvegliatrice” o “coach di frontiera”). Mi sentii decisamente molto più allineata con la mia essenza più profonda. E sperimentai un senso di fluidità e rilassatezza, a cui mi sono piacevolmente abituata.

Le domande che ho per te oggi sono:

  1. Quali sono alcuni modelli che fino ad oggi ti hanno profondamente influenzato?
  2. Sono ancora validi per la persona che vuoi essere?
  3. E’ tempo di esplorare nuovi aspetti della tua identità?
  4. Quali sono nuovi modelli, nuove identità che potresti scegliere da ora in poi?

Dai forza, lascia un commento qui sotto! Sarà un piacere risponderti e iniziare a scoprire nuovi territori, dentro di te!

La tua coach di frontiera,

Chiara… Siempreclara

PS: se ti è piaciuto questo articolo, clicca sui pulsanti qui sotto e condividilo con gli amici!

Audio gratuito dal titolo “Goditi il viaggio”

Obiettivi realistici o sogni impossibili? Questo audio è stato registrato durante il corso on-line COACHING CAFFE’. La durata di questo file mp3, è di circa 13 minuti. Parte del materiale sulla felicità di cui parlo, viene dal lavoro del mio compagno e collega Alessandro Saramin e dal suo CORSO SULLA FELICITA’ che verrà fatto on-line e dal vivo a partire dalla terza settimana di ottobre! Sarà aperto a tutti uomini e donne, e vi garantisco che sarà MERAVIGLIOSO! Quindi in attesa di ulteriori dettagli, spero che questo estratto vi aiuti e vi ispiri:

Goditi il Viaggio

Rimane sintonizzati con me… ci sono novità in arrivo questo autunno!!!

Chiara…. Siempreclara

 

Che corso incredibile!

Sono qui a scrivere questa sera, qualche riga ripensando al corso INSPIRATION, che si è concluso domenica 18 settembre.  Sulla lavagna il primo giorno di corso c’erano alcune parole, che racchiudevano le richieste e i desideri delle partecipanti a questa edizione. Si perchè eravamo tutte donne fino a venerdì, quando al nostro viaggio si sono aggiunti 3 meravigliosi uomini.

Le parole chiave di questa formazione sono state: rinascita, sfrontatezza armonica, dall’ombra alla luce, trasformazione, libertà, gioia, spiritualità, consolidare, intuito, fluire, bellezza, risveglio, amore. Parole che potrebbero dire tutto e niente, ma per chi ha vissuto questi giorni, dense di significato.

Abbiamo riso, scherzato, creato spazio dentro e fuori noi stesse, accettato, apprezzato qualsiasi emozione si presentasse. Abbiamo praticato il qui e ora, e grazie all’intervento di Alessandro Saramin, che è stato ospite al corso, esplorato cosa accade quando fluiamo. Ci sono molte cose per cui sono davvero grata della mia vita: una di queste è poter assistere a momenti così intensi e trasformazionali dei miei clienti!

E per usare le parole di Belle, dal cartone Disney la Bella e la Bestia, che ci hanno accompagnato in alcuni momenti…“quando sembra che, non succeda più ti riporta via come la marea, la felicità!”.

Buon viaggio a tutte!

Chiara…. Siempreclara!

 

La crisi: un messaggio di speranza!

La famosa crisi, che imperversa come un’ombra minacciosa nei discorsi della gente, nei giornali, alla tv. E non è solo economica. Nel mio caso quello a cui assisto quotidianamente è una crisi in termini di relazioni di coppia e con noi stessi. I miei clienti e le persone che conosco nessuna esclusa, spesso si ritrovano sole nelle proprie case, pensado di essere le uniche a cadere: con la paura di parlarne, perché in un mondo dove “devi” essere figo e “tutto su” non c’è spazio per la debolezza, la tristezza, le domande importanti: poi alla fine arrivano, bussando alla nostra porta, nella solitudine di una domenica pomeriggio. E  affiora un senso di costrizione schiacciante mentre guardandoci allo speccchio viene da chiedersi: “ma è possibile che la vita sia tutta qua? Ma sono l’unica/o che sente che la sua vita è un chaos?”.

No, non sei l’unico. E non sei sbagliato perché senti queste cose. Crollare e sentirsi imbarazzati nel farlo… quello semmai è l’errore! Questo mio breve post di oggi vuole solo essere un raggio di sole, e un messaggio di grande speranza. Perché non solo sono certa che dal grande chaos in cui siamo creeremo nuove realtà, più vitali  e armoniche: sono certa che siamo tutti collegati … e che andrà tutto bene!

Un abbraccio a tutti voi!

Chiara… in viaggio… siempre